L’aspetto più importante nella link building (e spesso meno considerato)


backlinks e link building

Tutti parlano dell'importanza dei link in ingresso (o backlinks) per migliorare l'autorevolezza, e di conseguenza la visibilità, in un determinato settore agli occhi dei motori di ricerca.

C'è chi insegna possibili tecniche di link building da applicare al proprio progetto, chi spiega le tipologie di backlinks ed il peso che - secondo loro - potrebbero avere per Google & affini.

Tutti articoli utili, sia chiaro, ma NESSUNO TI DICE LA COSA VERAMENTE IMPORTANTE DEI LINK IN INGRESSO.

La vuoi sapere?

Aspetta che prendo la rincorsa.

<<<

>>>

CIO' CHE VERAMENTE DA IMPORTANZA AI LINK IN INGRESSO E' L'UTILIZZO DI QUEST'ULTIMI DA PARTE DEGLI UTENTI!

 

Si, hai capito benissimo!

Non ti sto parlando di cose come "autorità del sito che li ospita", "pertinenza nel settore" e quant'altro, ma dell'utilità di un link verso il tuo sito per i visitatori dei siti che lo ospitano.

Questo è ciò che veramente conta e che da peso ad un backlink, il suo utilizzo.

Pensaci un attimo. Secondo te un motore di ricerca come Google - che ci conosce meglio di una fidanzata - quanto può impiegarci a capire se un link in ingresso fa parte SOLO di un piano di link building?
Se tu fossi un motore di ricerca, quanto valore daresti ad un link esterno sul quale non clicca quasi nessuno?
I tuoi "circuiti" come elaborerebbero un'alta bounce rate (frequenza di rimbalzo) dopo l'atterraggio sul tuo sito?

La logica di un buon backlink segue la seguente regola:

IL VALORE DI UN BACKLINK RISIEDE NELL'UTILITA' CHE ESSO RAPPRESENTA LUNGO IL CUSTOMER JOURNEY.

 

Questo da veramente senso ad un link in ingresso.

Come fare link building?

Step 1. Pianificare una strategia di costruzione backlinks partendo dai contenuti del proprio sito.

La link building fa parte dei "ranking factors" e consiste in un lavoro off-site, cioè esterno al sito, di acquisizione link (non per forza a pagamento).

Essa NON può essere iniziata di punto in bianco senza aver prima ottimizzato i contenuti ed il customer journey sul proprio sito (vorrai che gli utenti, una volta atterrati sul tuo sito, compiano una conversione oppure no?).

Quindi, in un piano di ottenimento link in ingresso bisogna prevedere:

  1. 1. un'ottimizzazione della landing page;
  2. 2. un miglioramento quantomeno dei contenuti business;
  3. 3. una sistemazione del percorso che si vuole far seguire agli utenti.

Dopo aver messo a punto questi 3 passaggi puoi procedere con le attività off-site.

 

Step 2. Condivisione sui social, presenza sul web e monitoraggio.

Non appena finito con il primo step potrai passare alla condivisione, alla presenza ed al monitoraggio.

Anche questa è una fase molto delicata in un processo di acquisizione link.

Condividere e coinvolgere le "distratte" persone sul web non è cosa da tutti. Spesso mi capita di fare consulenza a proprietari di piccole attività - alberghi, piccole imprese, negozi, e-commerce - che si lamentano della, secondo loro, inutilità dei social network... Poi scopri che non hanno un social media manager e lasciano gestire i loro canali sociali dal dipendete di turno, perché per loro saper usare i social vuol dire avere tutte le competenze del caso.

Essere presenti sul web invece vuol dire partecipare attivamente a tutto ciò che può riguardare la tua attività. Quindi sii presente sui social, sui blog, sui forum, sui portali, sul tuo sito. Spendi del tempo sul web. Vedrai che col tempo verrai ripagato.

Monitorare giorno per giorno ciò che accade aiuta a capire tante cose, una su tutte ti fa comprendere se il customer journey che hai deciso ha bisogno di qualche modifica.
Per monitorare ciò che accade sul tuo sito ti consiglio Google Tag Manager.

 

Step 3. Se non arrivano backlinks spontanei allora chiedili (e se è il caso comprali).

Lavorando assiduamente al tuo progetto web potresti notare che nonostante tutti i tuoi sforzi i link in ingresso tardano ad arrivare.
Non demoralizzarti, è veramente difficile ricevere un backlink. Esso è una sorta di "attestato di stima", non è così semplice da ricevere.

A questo punto non ti resta che richiederli. "A chi?" mi domanderai. Bene, inizia a chiederli ai tuoi fornitori se sei un rivenditore, ed ai tuoi clienti se sei un fornitore. Non aver paura di uno o più scambi link, in questa circostanza è più che lecito.

Dopodiché, setaccia il web alla ricerca di siti internet con contenuti che possano fare al caso tuo.

Se non trovi quel che cerchi potresti puntare sui guest post (contenuti fatti da te su siti altrui).

NON FARE MAI LINK SPAMMING! Nel caso tu voglia comprare qualche link da siti che reputi importanti (per traffico e CTR sul link) non c'è nessun problema, a patto che tu lo faccia con intelligenza.

Non dimenticare la cosa più importante! I backlinks devono essere cliccati altrimenti avranno sempre meno peso.

Se hai ancora qualche dubbio sul processo di acquisizione link che ti ho illustrato scrivimelo nei commenti o sui social, oppure contattami in privato 😉


Informazioni su Gennaro Esposito

Studio e m’informo sulle ultime novità provenienti dal web, e scrivo articoli che possono essere utili a chi possiede un sito internet e a chi è intenzionato a creare la propria presenza online. Contattami se hai bisogno di assistenza!